BES in Italia

Questi documenti permettono di cogliere tutti i passaggi storici e normativi fondamentali che hanno segnato  l’evoluzione dei bisogni educativi speciali fino al 2009: l’ Atto di nascita dell’integrazione delle persone disabili nella scuola comune: la L.118/71 e la L.517/77, l’elaborazione normativa del ministero e la L.104/92, il problema delle risorse economiche, la formazione dei docenti di sostegno, gli aspetti problematici relativi all’attuazione delle leggi.

SINTESI DEI DOCUMENTI

pdf2Sintesi dei documenti 

SINTESI IN LINGUA INGLESE

pdf2Summary of SEN in Italy (English language)

 

INTRODUZIONE NORMATIVA

La presente introduzione non entra nel tema specifico dell’azione didattica, ma permette di cogliere i passaggi storici e normativi che hanno segnato l’evoluzione dei bisogni educativi speciali.

Gli argomenti che tratteremo:

  1.  Atto di nascita dell’integrazione delle persone disabili nella scuola comune: la L.118/71 e la L.517/77
  2. L’elaborazione normativa del ministero e la L.104/92
  3. Il problema delle risorse economiche
  4. La formazione dei docenti di sostegno
  5. Aspetti problematici relativi all’attuazione delle leggi
  6. Le Linee guida del 2009 sull’integrazione scolastica
  7. La legge 170/2010 sui DSAe la Direttiva del 17 dicembre 2012 su tutti gli alunni con bisogni educativi speciali
  8. RIEPILOGANDO

pdf2Atto di nascita dell’integrazione delle persone disabili nella scuola comune: la L.118/71 e la L.517/77

pdf2L’elaborazione normativa del ministero e la L.104/92

pdf2Il problema delle risorse economiche

pdf2La formazione dei docenti di sostegno

pdf2Aspetti problematici relativi all’attuazione delle leggi 

pdf2Le Linee guida del 2009 sull’integrazione scolastica

pdf2La legge 170/2010 sui DSAe la Direttiva del 17 dicembre 2012 su tutti gli alunni con bisogni educativi speciali

pdf2RIEPILOGO INTRODUZIONE.

 

Oltre all’aspetto legislativo abbiamo le seguenti unità:

UNITÀ 1 – L’INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI CON DISABILITÀ E BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI UN’EPOCALE INVERSIONE CULTURALE

pdf2Parte A:

  1. Analisi storica e approfondimenti teorici
  2. Documenti OMS: ICD-10, IDCH e ICF (che verrà ripreso nelle unità successive)

pdf2Parte B:

  1. Classificazione sintetica delle situazioni di disabilità, di DSA e di difficoltà di apprendimento in assenza di disabilità e DSA, tutte unificate sotto la grande categoria dei Bisogni Educativi Speciali

pdf2RIEPILOGO UNITÀ 1.

 

UNITÀ 2 – ATTIVITÀ DIAGNOSTICA E PROGRAMMATORIA

pdf2Parte A: L’attività diagnostica: 1.Diagnosi Clinica (DC), 2.Diagnosi Funzionale (DF), 3.Profilo Dinamico Funzionale (PDF)

pdf2Parte B: L’attività programmatoria: 4. Piano Educativo Individualizzato (PEI), 5) Progetto di Vita

pdf2RIEPILOGO UNITà 2.

 

UNITA’ 3- LA REALIZZAZIONE DELL’AZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

pdf2Parte A: LA PIENA CONTITOLARITA’ DEL DOCENTE DI SOSTEGNO , LA COSTRUZIONE DEL RUOLO, LO SPIRITO D’INIZIATIVA, LE COMPETENZE E LE DIFFICOLTA’ , IL RUOLO DEL CONSIGLIO DI CLASSE E DEL DIRIGENTE

pdf2Parte B: PROTOCOLLI, CRITERI DI AZIONE, PROCEDURE

pdf2RIEPILOGO UNITA’ 3.

 

UNITÀ 4 – OBIETTIVI E REALIZZAZIONE DELL’AZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

 

pdf2Parte A: Star bene a scuola

pdf2Parte B: Un quadro di criteri e obiettivi dell’azione pedagogica e didattica

pdf2RIEPILOGANDO UNITA’ 4 .

Print Friendly

sezione1